Sfruttamento delle energie alternative
 

Methane *****ing

Bob Torello 26 Mar 2017 10:01
Salve,
Avete trovato documentazione in italiano su questa
nuova tecnologia pulita di produzione dell'idrogeno dal
metano senza produzione di CO2 ma solo di carbonio
allo stato di grafite?

Avevo letto un aticolo in cui si evidenziava una
efficienza superiore al 70% ma qualcuno obbiettava che
questo valore fosse poco credibile, vista la
quantità di energia potenziale che ricaveremmo
della grafite prodotta (come combustibile)
--


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Soviet_Mario 26 Mar 2017 13:39
On 26/03/2017 10.01, Bob Torello wrote:
>
> Salve,
> Avete trovato documentazione in italiano su questa
> nuova tecnologia pulita di produzione dell'idrogeno dal
> metano senza produzione di CO2 ma solo di carbonio
> allo stato di grafite?

se ne parlò tempo fa (la sponsorizzò anche Rubbia tra
l'altro). Ma non ricordo il 3D. Avevo fatto vari conti di
Temperature degli equilibri in gioco

>
> Avevo letto un aticolo in cui si evidenziava una
> efficienza superiore al 70% ma qualcuno obbiettava che

efficienza da quale punto di vista ?
Anche se si parlasse di efficienza energetica, bisognerebbe
chiarire bene a cosa ci si riferisce.

> questo valore fosse poco credibile, vista la
> quantità di energia potenziale che ricaveremmo
> della grafite prodotta (come combustibile)

infatti non credo che sia quello il riferimento (la
combustione TOTALE del metano), potrebbe trattarsi
dell'energia ricavabile dalla combustione del solo idrogeno.

Si tratta di una pirolisi favorita solo a T molto alte, per
essere completa e dare carbonio interamente deidrogenato,
per cui ci sono sicuramente dissipazioni da affrontare.

Anche la reattoristica potrebbe essere una sfida, ma imho si
potrebbe (E anche con ottime efficienze di recupero
energetico e velocità di conversione) lavorare in fluidized
bed, facendo decomporre il metano su semi di grafite
insufflandolo da sotto, e poi raccogliere i semi
cresciutelli epitassialmente per semplice gravità, quando
son diventati pepite. E' un po' il modo di ottenere pepite
di silicio cristallino dalla pirolisi del silano tra l'altro.
Ovviamente la conversione qui è enormemente più complicata,
perché il silano non è tanto resistente, e tutti i prodotti
di pirolisi parziale sono via via meno stabili ancora, e la
divergenza a Si + 2 H2 è accelerata. Il carbonio invece
forma miriadi di idrocarburi poco idrogenati termicamente
robusti come macigni (a partire dal benzene sino ad arrivare
a T molto alte all'acetilene stesso). Probabilmente con un
sufficiente spessore del letto fluidizzato fungerebbe. Ma
non so come sarebbe riscaldato, boh. Servirebbero
probabilmente scrubbers capaci di catturare TUTTO eccetto
l'idrogeno, e poi rimandare le frazioni liquide o gas
pesanti di nuovo dentro. Anche questo sicuramente rosicchia
resa energetica



>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Bob Torello 26 Mar 2017 20:47
Soviet_Mario <SovietMario@CCCP.MIR> ha scritto:
> On 26/03/2017 10.01, Bob Torello wrote:
>>
>
> se ne parlò tempo fa (la sponsorizzò anche Rubbia tra
> l'altro). Ma non ricordo il 3D. Avevo fatto vari conti di
> Temperature degli equilibri in gioco
>
>>

Ajajaj me la son persa!

>> Avevo letto un aticolo in cui si evidenziava una
>> efficienza superiore al 70% ma qualcuno obbiettava che
>
> efficienza da quale punto di vista ?
> Anche se si parlasse di efficienza energetica, bisognerebbe
> chiarire bene a cosa ci si riferisce.
>
A primo acchitto si potrebbe pensare all'efficienza
in termini di conversione da fonte energetica
metano a fonte energetica idrogeno
ma probabilmente non ci si riferisce a quella.

>>
> Si tratta di una pirolisi favorita solo a T molto alte, per
> essere completa e dare carbonio interamente deidrogenato,
> per cui ci sono sicuramente dissipazioni da affrontare.
>
> Anche la reattoristica potrebbe essere una sfida, ma imho si
> potrebbe (E anche con ottime efficienze di recupero
> energetico e velocità di conversione) lavorare in fluidized
> bed, facendo decomporre il metano su semi di grafite
> insufflandolo da sotto, e poi raccogliere i semi
> cresciutelli epitassialmente per semplice gravità, quando
> son diventati pepite. E' un po' il modo di ottenere pepite
> di silicio cristallino dalla pirolisi del silano tra l'altro.
> Ovviamente la conversione qui è enormemente più complicata,
> perché il silano non è tanto resistente, e tutti i prodotti
> di pirolisi parziale sono via via meno stabili ancora, e la
> divergenza a Si + 2 H2 è accelerata. Il carbonio invece
> forma miriadi di idrocarburi poco idrogenati termicamente
> robusti come macigni (a partire dal benzene sino ad arrivare
> a T molto alte all'acetilene stesso). Probabilmente con un
> sufficiente spessore del letto fluidizzato fungerebbe. Ma
> non so come sarebbe riscaldato, boh. Servirebbero
> probabilmente scrubbers capaci di catturare TUTTO eccetto
> l'idrogeno, e poi rimandare le frazioni liquide o gas
> pesanti di nuovo dentro. Anche questo sicuramente rosicchia
> resa energetica
>

Ho trovato poco materiale in italiano, credo però che ci sia
qualche documento scientifico
a pagamento che fa riferimento al lavoro di Rubbia.

Si parla pochissimo anche delle determinanti novità
nell'ambito della estrazione del gas naturale che
potrebbe portare a una rivoluzione sul fronte energetico anche qui
in Italia (clatatrati, fracking).

Al solito il buon Rubbia sta sempre oltre il contesto che il
potere vorrebbe imporre.
Ciao!


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Sfruttamento delle energie alternative | Tutti i gruppi | it.discussioni.energie-alternative | Notizie e discussioni energie alternative | Energie alternative Mobile | Servizio di consultazione news.