Sfruttamento delle energie alternative
 

In Germania comincia il risveglio dal sonno della ragione [LONG]

Roberto Deboni DMIsr 12 Ott 2017 17:14
<http://www.spiegel.de/wissenschaft/natur/klimaschutz-deutschland-produziert-zu-viel-co2-ziele-in-gefahr-a-1172368.html>

"Germania produce troppo CO2"

I calcoli del Ministero dell'Ambiente evidenziano ancora una volta:

"La Germania mancherà i suoi obiettivi di ******* del clima per
il 2020. Anche nel migliore dei casi, le riduzioni di CO2 sono
chiaramente al di sotto di quanto pianificato."

Entro il 2020 aveva pianificato un taglio del 40% rispetto alle
emissioni del 1990.

Cosi' non e':

<http://www.sueddeutsche.de/wirtschaft/klimawandel-deutschland-hinkt-seinem-klimaziel-hinterher-1.3702329>

<http://web.archive.org/web/20171011083122/http://www.sueddeutsche.de/wirtschaft/klimawandel-deutschland-hinkt-seinem-klimaziel-hinterher-1.3702329>

"L'operosa produzione delle centrali a carbone e degli s*****hi motori
diesel hanno annientato gli ambiziosi piani climatici del governo."

"I funzionari del Ministero dell'Ambiente avvertono del rischio
di una infamia internazionale."

Eh, si', dopo tanto pontificare, anche tramite l'ufficio
ministeriale non governativo della propaganda dell'ambiente
(Greenpeace) ... si avvicina la resa dei conti.

"Senza un riadattamento, entro il 2020 si prevederebbe al meglio
una riduzione del 32,5% delle emissioni di CO2; nel peggiore dei
casi, le emissioni diminuirebbero solo del 31,7%.

Solo l'anno scorso, il governo pavoneggiava un risultato tra il
37% ed il 40%.

Il grosso sforzo collettivo di maggiore efficienza negli usi
energetici, ed anche di sacrifici negli usi energetici,
aiutati inizialmente da una crisi economica, in Germania poi
risolta, una manodopera addestrata al risparmio energetico,
investimenti dei padroni di casa per un migliore isolamento
dei fabbricati, ma solo un moderato spostamento della
generazione alle fonti rinnovabili, si e' dovuto confrontare
con la crescita di produzione di energia elettrica dal
carbone, ora anche per l'esportazione.

Quello che e' mancato e' lo spegnimento graduale di un certo
numero di centrali elettriche a carbone. Invece la crescita
dei consumi elettrici e' sostenuta dalla crescita della
produzione di energia elettrica consumando carbone.

Una crescita delle vendite di motorizzazioni diesel fa
concludere che il settore del trasporto merci produrre piu'
CO2 di quanto programmato. Nel settore delle automobili,
e' aumentata la potenza media, con pari incremento globale
prevedibile delle emissioni. I motori diventano piu'
efficienti, ma la reazione dei tedeschi e' fare piu'
chilometri con vetture di piu' grossa cilindrata.

Nell'ordine, 10 MT(CO2) in piu' altri 10 MT(CO2), piu'
altri 8 MT(CO2) ed altri 6 MT(CO2) nel settore fabbricati,
a causa dello spostamento del riscaldamento dal gas al
petrolio, che ora costa meno (passando cosi' il settore da
750 MT(CO2) a 844 MT(CO2)).

La sig.ra Merkel ha promesso nell'ultima campagna elettorale
di mantenere l'impegno del 40% in meno per il 2020.
Come fara' ? Per farlo, in solo 3 anni si devono tagliare
90 MT (megatonnellate) di emissioni CO2. Un perfetto
esempio del paradosso di Jevons:

<https://en.wikipedia.org/wiki/Jevons_paradox>

I risultati elettorali sono un problema, perche' l'ipotetica
coalizione Unione-FDP-Verdi, troverebbe da una parte i Verdi
disposti a chiudere rapidamente le 20 centrali a carbone piu'
inquinanti, ed entro il 2030, chiudere del tutto il settore
delle centrali a carbone, ma l'FDP ha gia' chiarito la sua
opposizione sul tema.
Bob Torello 12 Ott 2017 19:36
Roberto Deboni DMIsr <news@*****isienergie.it> ha scritto:
>
> <htt2)).
>
> La sig.ra Merkel ha promesso nell'ultima campagna elettorale
> di mantenere l'impegno del 40% in meno per il 2020.
> Come fara' ? Per farlo, in solo 3 anni si devono tagliare
> 90 MT (megatonnellate) di emissioni CO2. Un perfetto
> esempio del paradosso di Jevons:
>
>
Facile. Aumenta il numero di poveri abbattendo la classe media.
Quadra tutto adesso?

:->

--


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Roberto Deboni DMIsr 13 Ott 2017 04:47
On 12/10/17 19:36, Bob Torello wrote:
> Roberto Deboni DMIsr <news@*****isienergie.it> ha scritto:
>>
>> <htt2)).
>>
>> La sig.ra Merkel ha promesso nell'ultima campagna elettorale
>> di mantenere l'impegno del 40% in meno per il 2020.
>> Come fara' ? Per farlo, in solo 3 anni si devono tagliare
>> 90 MT (megatonnellate) di emissioni CO2. Un perfetto
>> esempio del paradosso di Jevons:

Non so cosa e' successo, ma la frase e' finita in coda al
paragrafo sbagliato. Ecco la versione corretta:

"I motori diventano piu' efficienti, ma la reazione dei
tedeschi e' fare piu' chilometri con vetture di piu' grossa
cilindrata. Un perfetto esempio del paradosso di Jevons:

<https://en.wikipedia.org/wiki/Jevons_paradox>

Mi scuso della confusione creata.

> Facile. Aumenta il numero di poveri abbattendo la
> classe media.
> Quadra tutto adesso?

Non lo so, ma il sospetto e' che manchera' l'obbiettivo.
Insomma se la Volkswagen ha barato con il mondo, perche'
non dovrebbe farlo anche il governo tedesco.
E non sarebbe la prima volta ...

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Sfruttamento delle energie alternative | Tutti i gruppi | it.discussioni.energie-alternative | Notizie e discussioni energie alternative | Energie alternative Mobile | Servizio di consultazione news.